Capoverde e l'isola di Sal

L'isola di Sal si trova nell'arcielago di Capoverde e, insieme a Boavista, ospita la maggior parte di atrutture ricettive per i turisti che vengono a godersi il caldo durante l'inverno
il mio viaggio a Sal inizai a gennaio, quando a Malpensa piove e ci sono 2 gradi, arrivo a Sal  dopo 5 ore di volo Neos e un bel caldo secco mi toglie ogn dubbio sulla sceltadella mia meta
a sal il vento spira forte tutto l'anno, la spiaggi adi Santa Maria è il paradiso del kite surf, ma ci sono spiagge poco battute dal vento dove il mare cristallino e calmo non ha nulla da invidiare al mare caraibico, una di queste è la bella spiaggia che dal RIU HOTEL arriva a Ponta Preta attraverso le maginifiche dune di Sal: qua trovate un paesaggio surreale, dove le dune di sabbia sono lambite da acque limpide e cristalline e intorno non ci sono hotels nè centir abitati, a Ponta Preta troverete un  chiringuito con cucina tradizionale e aperitivi in spiaggia, una tappa da non perdere per godersi l'assoluto relax di quest'isola
io ho soggiornato al Bravo Vila do Farhol, assolutamente da consigliare per famiglie con bambini, cibo ottimo, animatori non invadenti ma molto presenti per soddisfare ogni esigenza, cibo ottimo!
la spiaggia dell'hotel è molto bella ma ventosa, qua da a piedi in 15 minuti circa si raggiunge la spiaggia attorno al Riu che ho descritto sopra
dall'hotel con una passeggiata di 10 minuti s raggiunge il centro animato di Santa Maria,  ricco di negozietti di souvernir, ristoranti, bar e
discoteche. Il centro si gira tranquillamente da soli, Sal è un'isola assolutamente sicura dove non esiste criminalità e i capoverdiani sono molto disponibili e gentili. Se lasciate la via principale di Santa Maria per entrare nelle viuzze intorno potrete trovare ristorantini tipici frequentati dagli abitanti dell'isola e non dai turisti dove potrete mangiare la loro vera cucina tipica spendendo la metà rispetto ai locali turistici situati nella via pedonale
l'isola è pccola e in un giorno, accordandosi con un beach boy, si riesce a girare tutta (qua i ragazzi non sono assolutamente invadenti come a Zanzibar o in Kenya)
Da non perdere Shark Bay, una baia dove le squali nutrici vanno a partorire nelle basse acque calde, avrete gli quali a pochi metri dai vostri piedi!
molto caratteristiche le saline di Pedra Lume, saline naturali di origine vulcanica dove andare a fare il bagno all'interno del cratere salato
la capitale Espargos non è nulla di che, ma poco lontano il mercato del pesce al porticciolo di Palmeira vi farà immergere nella vita quotidiana dei capoverdiani!
Imoerdibile e suggestiva una tappa a Buracona, una baia che ospita grotte e piscine naturali all'interno di un parco protetto con ristorante molto ben gestito dai locali, qua a mezzogiorno in punto il sole rende i colori del mare nella grotta di Blue Eye di un blu intenso che, in contrastocon la roccia nera vulcanica, crea un contrasto di colori meravigliosa!
Tutto intorno l'isola è desertica, e attraversata da due strade che la tagliano da nord a sud e da est a ovest
nella zona noird si trovano le baraccopoli dell'isola, dove è vivamente consigliato portare ai bambini quaderni,pennarelli e matite colorate da mettere in valigia prima di partire!
il mio viaggio a Sal è stato una piacevolissima scoperta, un'isola fuori dal tempo il cui motto egli isolani, non a caso, è NO STRESS! qua i ritmi lenti, il sole secco e ardente, le dune di sabbia bianca e l'assenza di grandi centri abitati fanno si che la vacanza diventi un'immersione nella natura e nella cultura dei locali, a poche ore di volo dall'Italia
sicuramente da consigliare e da tornarci!

Raffaella

Capoverde e l'isola di Sal