1

Cosa vedere in Francia

Francia Colmar

Francia: cosa cosa vedere

Guida Viaggi

“Cosa vedere in Francia” è la nostra guida viaggio completa per darvi suggerimenti su come organizzare la vostra vacanza.

La Francia vanta una sorprendente varietà di luoghi da visitare, dalle pitture rupestri preistoriche della Dordogna alle cattedrali gotiche del nord, dai castelli della Loira alle scogliere selvagge della Bretagna. Ogni regione stupisce il turista per le peculiarità diverse una dall’altra: la strada dei vini in Alsazia attraversa paesini pittoreschi, la regione di Bordeaux racchiude dune di sabbia che sfociano in mare e vallate di vitigni, il Quiberon e Biarritz sono la patria dei surfisti e delle spiagge lunghe di sabbia, la Costa Azzurra e la Provenza alternano calette di sabbia fine a  distese di lavanda….per non parlare delle città, tutte con una valenza storica notevole, la papale Avignone, la rivoluzionaria Parigi, la cittadella fortificata di Carcassonne.

Normandia, paesaggio e storia

La Normandia è conosciuta per il patrimonio storico risalente alla Seconda Guerra Mondiale: le spiagge di Omaha e Utah Beach dove avvenne il D-Day, lo sbarco degli Alleati del 6 giugno 1944,  conservano ancora resti della terribile guerra, il Cimitero degli Americani e il Museo della Seconda Guerra Mondiale sono tappe imperdibili per mantenere viva la testimonianza degli orrori della Grande Guerra.

Ma la Normandia è anche un susseguirsi di deliziosi villaggi sul mare dove si coltivano le ostriche, tra queste Deauville è una località alla moda che ospita eleganti hotel e boutique, ristoranti che propongono ostriche e cozze in molteplici varianti, poiché qua il piatto tipico è il “Moule frites”, muscoli cucinati con diversi sapori e patatine fritte.

Étretat è conosciuta per le sue formazioni rocciose molto particolari, dovute alla continua erosione dei venti, e per le magnifiche vedute sul Canale della Manica
Un’attenzione particolare va a Mont-Saint-Michel, antico sito situato su un’isola di granito, patrimonio mondiale dell’UNESCO.  L’Abbazia è stata costruita nel X secolo e da quel momento è un famoso luogo di pellegrinaggio, raggiungibile a piedi solo durante le ore di bassa marea, ma vale la pena ammirare l’Abbazia circondata dal mare nelle ore di alta marea, in un paesaggio quasi surreale.

Francia Normandia

La Maestosità dei Castelli della Loira

La Val de la Loire è nota principalmente per i suoi castelli fiabeschi e misteriosi, che hanno segnato la storia della Francia nei secoli.; tra i più famosi Chambord e la tenuta di Villandry con i suoi incantevoli giardini, Azay-le-Rideau e il suo parco romantico, Amboise e Chenonceau, per concludere la visita con il castello di Bois. I castelli sono immersi in una valle lussureggiante che ricorda la foresta di re Artù, la valle di Orléans, capeggiata dall’omonima città. Francia guida viaggi cosa vedere. Assolutamente da non perdere nella Valle della Loira, è la visita alle cantine della zona che producono ottimi vini locali tra cui il Touraine o l’Anjou.

Francia castello di Chenonceau

La Provenza e il suo Romanticismo

Il romanticismo della Provenza è stato plasmato dagli impressionisti del XIX secolo; la Provenza fonde passato e presente in un appassionato orgoglio, infatti ha creato la sua lingua e le sue usanze tipiche. La regione è delimitata a sud dal Mediterraneo, a ovest dal Rodano, a nord dal fiume Dauphine e ad est dalle Alpi. La regione è un lungo d’artisti come Matisse a Vence, Cocteau a Villefranche, Léger a Biot, Renoir a Cagnes e Picasso ad Antibes. La più bella collezione di opere d’arte moderna si trova alla Fondazione Maeght di St-Paul-de-Vence e i musei dedicati a Jean Cocteau a Mentone e a Pierre Bonnard vicino a Cannes. Da non perdere anche le saline della Camargue, i campi di lavanda del Lubéron e le scogliere alpine dell’Alta Provenza. La tipica atmosfera Provenzale si trova nelle strade alberate e nei caffè all’aperto di Aix-en-Provence, nel vecchio Porto di Marsiglia, nel teatro romano di Orange, nel Palazzo dei Papi di Avignone e nella località balneare di Saint Tropez.

Alsazia, la Strada del Vino

Le province più orientali della Francia, l’Alsazia e la Lorena, condividono una storia tumultuosa perché contese per secoli dai re francesi e dai principi del Sacro Romano Impero, e successivamente coinvolte in un sanguinoso tiro alla fune tra Francia e Germania. Per questo motivo tutto è un mix di francese e tedesco, dall’architettura alla cucina e alla lingua. Le graziose case in stile “Hansel e Gretel” sono la caratteristica comune in Alsazia, specialmente lungo la Strada del Vino affiancata ad ovest delle foreste dei monti Vosgi.

Questa strada è la maggiore attrazione della regione e ha fondato la sua fama turistica sulle degustazioni dei loro ottimi vini accompagnati, da una cucina regionale più germanica che francese. Castelli medievali in rovina sono sparsi un po’ per tutta la regione mentre chiese e musei degni di nota sono concentrati nell’elegante capitale Strasburgo, sede del Parlamento Europeo, e nella più piccola e stravagante Colmar. La vivace Mulhouse si distingue per il suo patrimonio industriale e la vivace vita notturna.

Francia Colmar

Lorena, fra storia e gastronomia.

La vicina regione Lorena confina con Lussemburgo, Germania e Belgio. Nancy è un elegante ex capitale che ospita un’importante scuola di Art Nouveau mentre la verdeggiante Metz propone la sua nuova scintillante galleria d’arte contemporanea. I sanguinosi campi di battaglia della Prima guerra mondiale intorno a Verdun attirano un gran numero di visitatori, così come lo zoo di Amnéville, uno dei più grandi del Paese. Non meno rinomata di altre province francesi per la sua varietà gastronomica, proprio in questa regione nasce una delle torte salate francesi più famose ed apprezzate anche all’estero, la quiche lorraine.

Scopri anche la nostra guida su PARIGI!

INFORMAZIONI UTILI:

 

Lingua:

Francese

Moneta:

Euro

Elettricità:

230v /50 h

Prese Elettriche:

Tipo C e Tipo E

Documenti:

I cittadini italiani possono visitare la Francia con la carta d’identità valida per l’espatrio o il passaporto

Periodo migliore per visitare il Paese:

il clima della Francia varia molto da regione a regione, dal clima tipicamente mediterraneo della costa sud, a quello atlantico con venti forti e secchi della costa atlantica e della Bretagna, fino agli inverni rigidi con estati molto calde del centro. Il periodo migliore per visitare il Pese in generale va da aprile a ottobre, in cui sono meno frequenti le precipitazioni. L’inverno è il periodo migliore per visitare l’Alsazia con i suoi mercatini di Natale famosi in tutta Europa.

FONTE DEL VIDEO: #JeRedécouvrelaFrance​ : sur les traces de nos blogueurs voyage – FRANCE.FR – Sito ufficiale del turismo francese

Ti è piaciuta la nostra guida viaggio “Cosa vedere in Francia”? Consulta anche tutte le altre nostre guide!

Consulta tutte le nostre offerte!