Perù - Party Perù

un nuovo tour di gruppo pensato per chi vuole muoversi con maggior libertà e scegliere di giorno in giorno che cosa vedere, ma che predilige la compagnia di altri viaggiatori italiani. Un itinerario classico che comprende le mete imperdibili del Perù e con prevede la possibilità di aggiungere un splendida estensione alla costa desertica del paese.

RICHIEDI INFORMAZIONI

Dal Al Quota base Prezzo finale Note
14/05/2019 14/05/2019 1690 € 2085 €
04/06/2019 18/06/2019 1690 € 2085 €

Un itinerario avvincente ed originale, in libertà «assistita» attraverso le mete più classiche, imperdibili e ricche di suggestioni del Perù LIMA, CUSCO, MACHU PICCHU, PUNO, AREQUIPA


PRIMO GIORNO: Italia-Lima
Partenza per Lima in mattinata con volo Iata. Volo diurno. Arrivo nel tardo pomeriggio. Trasferimento in albergo. Cena libera.
SECONDO GIORNO: Lima
Prima colazione. Intera giornata a disposizione per relax, shopping e visite individuali. Pasti liberi. Lima è la capitale e la città più popolata del paese. Storicamente è stata anche la capitale del Vicereame spagnolo delle Indie, ed è ancora oggi il centro culturale ed economico del Perù. Oggi, al di là dell’area del centro storico, che reca ancora l’impronta spagnola, Lima è una città moderna ed elegante, con i suoi quartieri residenziali che si affacciano sul Pacifico (Miraflores, San Isidro e Barranco), le sue spiagge, i suoi parchi. Per chi vi fa una sosta, è imperdibile una visita a qualcuno dei suoi musei, legati alla storia pre-colombiana: su tutti, merita una citazione lo spettacolare museo Larco, che ha una collezione di oggetti d’oro e pietre preziose (ritrovati nelle tombe monumentali del nord o nei santuari) senza pari al mondo. Lima è anche la capitale della cucina peruviana, oggi assurta a livelli di assoluta eccellenza internazionale: non perdetevi un ‘ceviche’ o una ‘causa’ nei ristoranti più ‘in’ lungo la costa dell’Oceano.
TERZO GIORNO: Lima/Cusco
Prima colazione. In mattinata, trasferimento in aeroporto e volo per Cusco. Trasferimento in albergo. Resto della giornata a disposizione. Pasti liberi. Cusco (o Cuzco), situata a 3399 m slm, è il cuore pulsante del Perù, luogo magico per eccellenza: fu infatti la sontuosa capitale dell’impero Inca ed è stata dichiarata patrimonio dell'umanità nel 1983 dall'UNESCO.  Basta una breve passeggiata a piedi nel centro storico per essere catturati dalla magia di Cusco: gli Spagnoli, che la conquistarono a metà del XVI sec. d.C., ne ammirarono l’ingegnoso impianto urbanistico e la solidità delle costruzioni. Fu così che lasciarono intatta la città, limitandosi ad aggiungere un secondo piano in stile barocco alle costruzioni originarie, oppure a riutilizzare le pietre dei palazzi preesistenti per edificare le chiese.
QUARTO GIORNO: Cusco/Valle Sacra degli Incas
Escursione di tutta la giornata alla Valle Sacra degli Incas e visita del mercato indio di Pisaq, dove c'è la possibilità di comprare interessanti oggetti d'artigianato. Pranzo in ristorante. Si segue poi la Valle Sacra fino alla fortezza di Ollantaytambo, insediamento militare inca di suggestiva bellezza, strategicamente situato a chiusa della valle. Pernottamento in valle sacra. Cena libera. * escursione su base collettiva Non sono solo i resti (perfettamente conservati, mancano solo i tetti di paglia...) di questa misteriosa città ad attirare i viaggiatori, ma anche e soprattutto l'impressionante vista che si ha sulla sottostante valle dell'Urubamba, circa 400 metri più in basso.
QUINTO GIORNO: Machu Picchu/Cusco
Trasferimento alla stazione ferroviaria e partenza in treno alla volta di Aguascalientes, dove si giunge dopo circa un ora e mezza di viaggio, digradando dolcemente dagli altopiani fino alla foresta amazzonica. Dalla stazione, un minibus conduce in venticinque minuti sulla cima della montagna che nasconde la massima espressione culturale e architettonica degli Incas: Machu Picchu. Visita approfondita del sito e pranzo in ristorante. Nel pomeriggio, ritorno a Cusco in treno. Cena libera. * escursione su base collettiva Machu Picchu è il sito archeologico per eccellenza dell’intera America Latina. Scoperta per puro caso  dall’archeologo americano Hiram Bingham nel 1911, questa spettacolare cittadella, edificata sopra un cocuzzolo verde nel cuore della foresta tropicale, fu inizialmente identificata con il mitico Eldorado. In realtà, ancora oggi non si è giunti a capire con esattezza la funzione di questo sito, che doveva comunque essere di notevole importanza, vista la presenza di un tempio solare e l’esistenza di una cammino reale che la collegava alla capitale inca. Di certo si può dire che è il capolavoro assoluto dell’architettura inca, e che, se non era l’Eldorado, lo è diventata adesso, visto l’incredibile numero di turisti che la visitano tutti gli anni.
SESTO E SETTIMO GIORNO: Cusco
Prima colazione. Due intere giornate a disposizione per scoprire a piedi la magia dell'antica capitale dell'Impero Inca e i sui dintorni sarà possibile visitare vie, viuzze, mercati, chiese, conventi, chiostri e musei in poche centinaia di metri di diametro. Oppure partecipare ad escursioni facoltative alle cittadina di Chincero, Maras e Moray o partecipare alla escursione facoltativa di rafting sul fiume Urubamba Pasti liberi. Cusco (o Cuzco), situata a 3399 m slm, è il cuore pulsante del Perù, luogo magico per eccellenza: fu infatti la sontuosa capitale dell’impero Inca ed è stata dichiarata patrimonio dell'umanità nel 1983 dall'UNESCO. Basta una breve passeggiata a piedi nel centro storico per essere catturati dalla magia di Cusco: gli Spagnoli, che la conquistarono a metà del XVI sec. d.C., ne ammirarono l’ingegnoso impianto urbanistico e la solidità delle costruzioni. Fu così che lasciarono intatta la città, limitandosi ad aggiungere un secondo piano in stile barocco alle costruzioni originarie, oppure a riutilizzare le pietre dei palazzi preesistenti per edificare le chiese. Come conseguenza, si può affermare che l’impianto urbanistico della capitale dell’Impero Inca è ancora oggi perfettamente intatto.... Oggi è ancora possibile ammirare la Korikancha (l’antico tempio del sole), il Convento delle Vergini del Sole (trasformato in Monastero di clausura), la grandiosa fortezza di Saqsayhuaman, alcuni palazzi reali inca in perfetto stato di conservazione, oltre a decine di altri resti archeologici, che convivono in bizzarro connubio con palazzi e chiese barocche, il cui stile risente fortemente dell’influenza andina.
OTTAVO GIORNO: Cusco/Puno
In mattinata, partenza per Puno in pullman di linea (servizio turistico, con guida bilingue al seguito). Il viaggio durerà dieci ore circa. Durante la strada, sosta e visita al tempio inca di Viracocha a Raqchi, al passo di La Raya (4.300 metri slm) ed al villaggio di Andahuaylllas, per la visita della chiesa affrescata. Pranzo in ristorante. Puno: sistemazione in albergo. Cena libera. Puno è anche molto di più del Titicaca: il fantastico altopiano che la circonda (la ‘puna’) si estende fino oltre all’orizzonte a perdita d’occhio, creando scorci formidabili, fornendo pascoli eccellenti ai camelidi andini e ospitando una delle specie vegetali più affascinanti del pianeta: la puya Raimondi. Non perdetevi una veloce scappata al cimitero monumentale pre-incaico di Sillustani, sito a picco su un altro meraviglioso lago andino, l’Umayo. E, se avete ancora tempo, non perdetevi una delle mille feste locali della città, i cui abitanti sfruttano ogni occasione per ballare e cantare per le vie animate del centro.  Puno è il punto di partenza ideale per una scappata in Bolivia, sull’altra riva del Titicaca, o per una escursione al Canyon del Colca.

NONO GIORNO:  Puno / Lago Titicaca / Puno
Prima colazione. Partenza in motobarca per una escursione di un'intera giornata sul lago Titicaca, lo specchio navigabile più alto del mondo; al mattino, si visitano le isole galleggianti degli indiani Uros, quindi si prosegue fino all'isola Taquile, nel cuore del lago, abitata dagli indiani omonimi, ottimi artigiani. Rientro in albergo nel pomeriggio. Pasti liberi. * escursione su base collettiva Puno è una città peruviana di circa 120.000 abitanti sita sulla sponda occidentale del Lago Titicaca, a quasi 4.000 metri di altitudine. Rappresenta il punto più alto di quasi tutti gli itinerari turistici peruviani, ed è perciò buona norma inserirla alla fine del viaggio, quando si è già presa confidenza con l’altura. La ragione di una visita a Puno è presto detta: il maestoso lago Titicaca (8.000 kmq), lo specchio d’acqua navigabile più alto del mondo. Si dice che, quando Dio creò il mare e poi le montagne, si dimenticò del Titicaca che così rimase incastrato e fu trasportato a 4.000 metri... infiniti sono i motivi di suggestione del lago: i suoi cieli stellati, le sue albe ed i suoi tramonti, le sue isole abitate dai nativi Aymara, le isole galleggianti degli indiani Uros.
DECIMO GIORNO: Puno/Arequipa
Prima colazione. Mattinata a disposizione. Nel pomeriggio, partenza in bus di linea per Arequipa. Trasferimento in albergo. Pasti liberi. Arequipa, con i suoi oltre 900.000 abitanti, è la seconda città più popolosa del Perù. Conosciuta come "La Ciudàd Blanca" per il colore della pietra con la quale sono stati costruiti tutti gli edifici principali del suo centro storico (dichiarato patrimonio dell'umanità dall'UNESCO nel 2.000), fu fondata dagli Spagnoli nel 1540.
UNDICESIMO E DODICESIMO GIORNO:Arequipa
Prima colazione. Intera giornata a disposizione per relax, shopping e visite individuali. Pasti liberi. La città sorge ai piedi del grande vulcano El Misti, il motivo principale per una sosta è dato dal suo spettacolare centro storico, con palazzi e chiese coloniali di superba bellezza, dove trionfa lo stile barocco andino, fusione unica fra i canoni estetici europei e l’oscura e sanguigna sensibilità andina. Su tutti, svettano la cappella affrescata della chiesa dei gesuiti e il Monastero di santa Caterina, suggestiva città monastica dentro la città.
TREDICESIMO E QUATORDICESIMO GIORNO: Arequipa/Lima/Italia
Prima colazione. Intera giornata a disposizione per relax, shopping e visite individuali. Pasti liberi. La città sorge ai piedi del grande vulcano El Misti, il motivo principale per una sosta è dato dal suo spettacolare centro storico, con palazzi e chiese coloniali di superba bellezza, dove trionfa lo stile barocco andino, fusione unica fra i canoni estetici europei e l’oscura e sanguigna sensibilità andina. Su tutti, svettano la cappella affrescata della chiesa dei gesuiti e il Monastero di santa Caterina, suggestiva città monastica dentro la città.

LA QUOTA COMPRENDE:
voli in economy, transfer, guida locale su base collettiva in lingua spagnola o inglese, visite, ingressi, pasti ed hotel come da programma.
LA QUOTA NON COMPRENDE: tasse apt, iscrizione, bevande, extra personali, tutto quanto non indicato nella voce precedent